Italiano   |   English
Mostra di Renoir - Dalle Collezioni del Musee d'Orsay e dell'Orangerie
Dalle Collezioni del Musee d'Orsay e dell'Orangerie

Torino

GAM - Galleria Civica
d’Arte Moderna
e Contemporanea

23 Ottobre 2013
23 Febbraio 2014

Infoline +39 0110881178
Mostra di Renoir Torino

Cronologia

Gli anni della formazione e della bohème

[1841-1872]
1841
(2 febbraio) Nasce a Limoges, sesto figlio di Léonard (sarto) e di Marguerite Merlet (cucitrice). Verso il 1844-1845 la famiglia si trasferisce a Parigi.
1854-1861
Apprendistato presso un decoratore di porcellane. Dipinge anche pannelli, insegne commerciali, ventagli ecc.
1862-1864
Frequenta l’Ecole des Beaux-Arts a Parigi e l’atelier di Charles Gleyre, dove conosce Bazille, Sisley e Monet. Stringe amicizia anche con Pissarro, Cézanne, Berthe Morisot, Degas e Manet.
1864
Prima partecipazione al Salon con Esmeralda, dipinto ispirato a Victor Hugo (distrutto).
1865
Espone al Salon il Ritratto di William Sisley (presente in mostra).
1868
Primo successo al Salon con il grande dipinto Lise (Essen, Folkwang Museum), ritratto moderno e luminoso della sua compagna Lise Tréhot.
1869
Dipinge con Monet alla Grenouillère, non lontano da Parigi.
1870
Guerra franco-prussiana: Renoir è arruolato in un battaglione a Libourne, presso Bordeaux. Morte di Bazille.
1871
Ritorno a Parigi.
1872
Primi acquisti da parte del mercante Paul Durand-Ruel.

Gli anni impressionisti

[1873 -1880]
1874
Partecipa alla prima mostra impressionista con sette dipinti in catalogo.
1875
Organizza con Berthe Morisot, Sisley e Monet una vendita all’asta, che dal punto di vista commerciale si rivela un insuccesso. Inizia tuttavia a costituirsi un gruppo, ristretto ma fedele, di estimatori degli impressionisti, con Rouart, Charpentier, Chocquet, e ben presto il pittore e mecenate Gustave Caillebotte.
1876
Espone quindici opere alla seconda mostra impressionista.
1877
Alla terza mostra impressionista, con ventuno opere, tra cui Ballo al Moulin de la Galette (Parigi, Musée d’Orsay) e L’altalena (presente in mostra), Renoir suscita particolare attenzione.
1879
Successo al Salon di Marguerite Charpentier e i suoi bambini (New York, The Metropolitan Museum of Art). La frequentazione del “salotto Charpentier” gli procura delle commesse per dei ritratti, che migliorano la sua situazione economica.
1880
Incontra Aline Charigot (1859-1915), che sposerà nel 1890. Durante l’estate lavora alla Colazione dei canottieri (Washington, Phillips Collection).

La “malattia della ricerca”

(Renoir, lettera al suo mercante Paul Durand-Ruel, Napoli, 21 novembre 1881)
[1881 -1891]
1881
(fine febbraio - marzo) Primo viaggio in Algeria. (fine ottobre - novembre) Viaggio in Italia con Aline: Venezia, Firenze, Roma, Napoli, Capri; sarà un soggiorno determinante.
1882
(gennaio)Prima di rientrare in Francia, ripassando per Napoli, soggiorna a Palermo, dove incontra Wagner, del quale realizza un ritratto (presente in mostra).
(febbraio) Dipinge all’Estaque con Cézanne; si ammala di polmonite. (marzo-aprile) Secondo viaggio in Algeria con Aline; espone alla settima mostra impressionista e al Salon; soggiorno a Londra.
1883
Prima retrospettiva presso Durand-Ruel, che dopo una pausa ha ripreso gli acquisti agli inizi degli anni ottanta. Morte di Manet.
1885
Nasce il figlio Pierre, che diventerà un grande attore nel teatro e nel cinema.
1886
Trentasette dipinti di Renoir vengono esposti a New York da Durand-Ruel.
1887
Espone Bagnanti, saggio di pittura decorativa (Philadelphia Museum of Art), che provoca sconcerto tra i suoi estimatori.
1890
Ultima partecipazione al Salon.

“Maturità libera”

Stéphane Mallarmé
[1892 -1903]
1892
Acquisizione da parte dello Stato francese di Ragazze al piano (presente in mostra).
1894
Morte di Gustave Caillebotte, che lascia la sua collezione di impressionisti allo Stato francese. Renoir è uno degli esecutori testamentari. Sei dipinti di Renoir vengono così esposti al Musée du Luxembourg (museo degli artisti viventi) a partire dal 1897.
Nasce il figlio Jean, futuro cineasta.
1895
Morte di Berthe Morisot; Renoir partecipa attivamente alla retrospettiva postuma che le viene dedicata nel 1896.
1896
Viaggio a Bayreuth e a Dresda.
1897
Aggravamento dei suoi dolori articolari; a partire dal 1899, il peggioramento delle sue condizioni di salute (reumatismi) lo porta a trascorrere l’inverno nel sud della Francia.
1898
Viaggio a L’Aia e ad Amsterdam (mostra su Rembrandt).
Morte di Mallarmé.
1898 o 1899
Soggiorno a Cagnes, dove nel 1907 acquisterà una proprietà, Les Collettes, e costruirà una casa, poi trasformata nel 1960 in Museo Renoir.
Cavaliere della Legion d’Onore (Officier, nel 1911; Commandeur, nel 1919).
1899
Morte di Sisley.
1901
Nasce Claude, il suo terzo figlio, che diventerà ceramista.
Il Musée des Beaux-Arts di Lione acquista Donna con chitarra.

Il “Papa della pittura”

Picasso
[1904 -1919]
1904
La sala dedicata a Renoir al Salon d’Automne ottiene un grande successo.
1908
Si trasferisce a Les Collettes a Cagnes. Trascorre il suo tempo tra Parigi, Essoyes, paese natale della moglie Aline, e Cagnes.
1910
Retrospettiva alla IX Biennale di Venezia. Viaggio a Monaco di Baviera. Al suo ritorno, deve rinunciare definitivamente a camminare.
1911
Prima monografia scritta dal grande critico tedesco Meier-Graefe.
1912
Le sue opere vengono esposte a Monaco di Baviera, Berlino, San Pietroburgo e New York con successo.
1913
Su spinta del mercante Vollard, inizia a scolpire.
1914
Dichiarazione di guerra della Germania alla Francia.
I due figli maggiori, Pierre e Jean, saranno feriti in battaglia.
1915
Morte di Aline a Nizza.
1917
Morte di Degas. Prima visita di Matisse a Cagnes.
1919
Progetto di una retrospettiva ufficiale. 3 dicembre: morte di Renoir a Cagnes.
Main Sponsor
Gruppo Unipol
Sponsors
  • Gruppo Terna
  • TGV
  • Gruppo Gavio
  • FIAT 500 FIAT
  • Poste Italiane
Technical Sponsors
  • La Rinascente
  • Apice trasporti d'arte
  • IGP Decaux
  • la Feltrinelli
  • Gerla 1927
 
  • All System Group
  • Willis Broker Assicurativo
  • Rear Multiservice Group
  • Grand Hotel Sitea
  • FLOS
Media Partner
La Stampa
Vettore Aereo
Air France